search
top

A mezzogiorno del mondo (una storia d’amore)


Durante un viaggio itinerante a Cuba, una giovane donna e un giovane uomo si trovano casualmente a condividere la camera di albergo. Mentre i giorni trascorrono, tra i due protagonisti cresce un'attrazione irresistibile che li conduce a un lento e inesorabile avvicinamento.
Il racconto si snoda sulle strade dell'isola percorrendo luoghi, incontri e atmosfere.
Solo il tempo di un viaggio per indagare le sfaccettature segrete di un sentimento che nasce con uno sguardo tutto femminile sulle mille emozioni di un amore.

Editore:
Maria Cristina Sferra

Genere: Romanzo breve

Estratto:
Camaguey ci accolse nell'ora più calda del giorno dimostrando una rara riluttanza all'indolenza tipica di queste zone. Il sole incandescente che ci aveva sfinito lungo la strada riarsa ci stava aspettando in questa cittadina brulicante di vita all'inverosimile, nonostante l'ora, nonostante il caldo. Stagliate su un cielo di smalto cobalto le solite, piccole case nei colori delle caramelle o dei gelati incorniciavano le viuzze ed erano allo stesso tempo il fondale di un palcoscenico dove tanta vita si rappresentava.
Fummo bloccati da una folla di volti sorridenti, di mani affaccendate e di passi insolitamente veloci. Ci offrirono, seppure con minore insistenza, i soliti sigari fasulli. Dal crocevia dove ci trovavamo potevamo vedere la sagoma imponente del Grand Hotel elevarsi ben oltre i tetti della città. Così, da lontano, sembrava un gigante placido adagiato sopra le case. Non aveva niente di particolarmente attrattivo.
A causa del blocco della via dovemmo entrare dal retro della costruzione, attraverso un cortile secondario dal quale passavano, di norma, coloro che all'hotel lavoravano e i fornitori. Ci inerpicammo sulla scala angusta e buia, svoltammo ora a destra ora a sinistra, in un labirinto di stretti corridoi e di tristi cortiletti pervasi da un odore pungente di disinfettante che feriva l'olfatto e quell'altro senso, ben più importante, che non ha un nome preciso, ma che è quello che registra le impressioni e le sensazioni che corrono sotto la nostra pelle.
Sentivo una sorta di velata delusione salire da dentro, quando finalmente ci si aprì dinnanzi agli occhi la hall del Grand Hotel vista di spalle, data la posizione della porta da cui vi accedemmo.
Mi stupii dell'atmosfera che aleggiava nel grande salone arredato con mobili d'epoca in legno scuro, del bancone della reception, anch'esso in legno, delle tende bianche di pizzo, della grande scala che portava ai piani superiori e del magnifico ascensore lustro di ottone che scampanellava ogni volta che si apriva la porta, mostrando un giovane sorridente. Il ragazzo in divisa portava una giacchetta a righe perfettamente intonata con lo spirito primo Novecento di quel luogo. Ma, più di tutto, pensai che un posto così si sarebbe potuto leggere in un libro.
Fui felice di esserci. Mi sedetti sulla poltrona, vi sprofondai con agio e, guardandomi intorno, immaginai altri tempi e altre comparse in quello stesso luogo. Forse immaginai la stanza che sarebbe stata nostra di lì a poco e una forte curiosità frammista a un'ansia infantile si impossessò di me. La stanza era il nostro luogo, pensai, il nostro rifugio, l'unico terreno dove potevamo liberamente saggiare i pensieri l'uno dell'altro, dove potevamo ridere, parlare, conoscerci. La stanza era il territorio della conquista della nostra non dichiarata intimità. Il breve tempo, l'esiguo spazio che potevamo condividere. Liberi. La stanza era la nostra casa. Entrambi lo sapevamo, ma nessuno dei due lo avrebbe ammesso.

Acquisto:
AMAZON---> http://amzn.to/1BXfSFn
GOOGLE PLAY---> http://bit.ly/1CdGZMQ
iTUNES---> http://bit.ly/1vgyHPe
LAFELTRINELLI---> http://bit.ly/179PLRV
IBS---> http://bit.ly/1vgz1xH
MONDADORI---> http://bit.ly/1DASTm4
KOBO---> http://bit.ly/1vC8PmV




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47578 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47748 KB
Better Tag Cloud