search
top

Black Wizard + Forte del Tempo


Jade è immortale. Il suo corpo sembra non conoscere l'inesorabile decadimento di tutti gli esseri umani, possedendo lo stupefacente potere di rigenerarsi. Per sempre giovane e bellissima, dunque, ma il suo destino la condurrà su un sentiero di solitudine e sofferenza.Per lei l'amore avrà un unico volto, quello di Jacques. Per lui, nella campagna della Loira nel 1718, perderà tutti i suoi privilegi di giovane castellana e precipiterà in un incubo di tenebra e vendetta.Nel corso della sua lunghissima vita, un singolare destino le farà incontrare più volte il suo unico e indimenticato amore, reincarnato in uomini diversi, ma identici nell'aspetto e nella devozione per lei, fino alla Firenze di oggi.Un'eroina romantica e coraggiosa, una passione lunga secoli, un fato che la costringe alla fuga perenne, una grande avventura.

Editore:
Self-publishing

Genere: Fantasy Paranormal Romance

Estratto:
Il verde intenso e intatto dei prati, in questo primo giorno di primavera calda e sfolgorante, mi commuove e provoca un leggero smottamento emotivo nel mio cuore antico e solitario. Il sole mi abbaglia, mentre l'acqua dell'Arno scorre in un cheto moto perpetuo che rende la sua superficie simile a un velo intessuto di paillettes luccicanti, sempre uguale e sempre diverso sotto la carezza di un vento gentile e capriccioso. La brezza lambisce l'erba alta degli argini come una mano che arruffi e lisci un tessuto cangiante, mostrandone l'infinità varietà di sfumature. Ricaccio con decisione, in un angolo remoto della mente, la valanga di ricordi provocata dal contrasto quasi doloroso del verde scuro e a tratti argenteo delle chiome degli alberi, con l'azzurro assoluto del cielo. Non voglio ricordare. Questa luce accecante è solo il chiarore di un giorno di primavera, nel mese di aprile dell'anno 2017, a Firenze. Tutto quello che voglio adesso, è volgere il viso alla carezza ancora mite del sole e godere di un momento di vuoto assoluto, lontana e isolata dalle persone che mi passano accanto indifferenti, calate in vite normali, fatte di incombenze quotidiane. Rincorro con lo sguardo il mio cane. Ogni volta la rivelazione di quanta energia il suo piccolo, ma poderoso corpicino racchiuda, mi intenerisce. Sembra animato da una pila inesauribile, che lo fa rincorrere con irrefrenabile entusiasmo e sempre con la medesima giocosità, ogni animale che appaia nel suo orizzonte visivo, sia che si tratti di un altro cane o di un piccione o di una lucertola. Solo i gatti riescono a metterlo in soggezione con la loro suprema alterigia e talvolta aperta ostilità.Come richiamato dal mio sguardo, lo vedo tornare al piccolo trotto verso di me. Si ferma ai piedi del muretto su cui sono appollaiata e si accuccia disciplinatamente, osservandomi in attesa che mi decida a giocare con lui, rispettoso del mio essere in questo momento assente e distratta, inaccessibile a lui e indisponibile a dispensargli le coccole a cui è abituato.Dopo qualche minuto lo guardo brevemente. I suoi occhietti vispi puntati su di me, in muta e a questo punto impaziente attesa, mi conquistano come ogni volta e riescono a scuotermi dall'apatia. Scendo dal muretto, gli gratto la testolina ricciuta, gli aggancio il guinzaglio e ci incamminiamo pigramente sul sentiero di sassi e polvere verso casa.L'antico palazzo dove vivo, nella luce dorata del tramonto, mi appare elegante e sontuoso nelle sue complicate decorazioni, testimone superstite di un tempo andato e perduto.Il mio appartamento è lassù, all'ultimo piano. Un grande spazio semi-vuoto, custode dei pochi oggetti a cui sono davvero legata. Un po' casa, un po' atelier. L'ampia stanza che si affaccia a est è il mio studio sui tetti. La vista della città ai miei piedi è un'infinita fonte di ispirazione per i quadri che dipingo e che sembrano essere diventati improvvisamente così di moda da fare di me un'artista contesa e ricercata. La fama che ho inaspettatamente conquistato, non manca mai di stupirmi e divertirmi, ancor più visto che non l'ho affatto cercata. Quadri che nascono così, potrei dire spontaneamente. Grandi pennellate di colore che imprimono sulla tela i moti del mio animo inquieto, solitario e mutevole. Rabbia, nostalgia, paura, solitudine, l'ineluttabilità di un destino, un amore perduto e ritrovato e poi ancora perduto e ancora e ancora.E soprattutto la melanconia che nasce da un senso di profonda privazione e la speranza, l'aspettativa, la certezza che il mio destino, il nostro destino, si compirà di nuovo, così come è scritto nel mio fato.Spalanco tutte le finestre perché la luce ambrata del tramonto possa entrare senza ostacoli, insieme all'aria ancora calda del meriggio che declina ormai verso una sera piena del fascino intatto e ammaliante di una nuova primavera. Mi siedo in terrazza mentre Salt scorrazza eccitato per la casa, inebriato dalla brezza che gonfia le tende leggere facendole assomigliare a vele bianche. Nell'aria le note di pianoforte di "Clair de lune" di Debussy. Nella luce declinante un balsamo per il mio cuore ferito, qualcosa che mi culla e mi porta avanti e indietro nel dedalo intricato dei pensieri e dei ricordi. La dolcezza e l'ineluttabilità di un amore fatale, il mio amore, il nostro. Jacques, Adrien, Marc... Dove sei angelo mio? Quando coglierò di nuovo il tuo sguardo fra mille altri, quando riapparirai nella mia vita, uguale eppure sottilmente diverso, ma sicuramente identico nel sentimento che ci unirà di nuovo, intoccato e incorrotto nonostante il fluire del tempo verso un finale che so già drammatico. Io prigioniera di un circolo vizioso, come in un copione scritto da uno sceneggiatore sadico che si diverta a mie spese conducendomi, come ogni volta, a quel punto in cui sarò di nuovo isolata, ferita e lontana da te, mio unico amore, e in preda a un senso di colpa straziante, consapevole che sarà stata colpa mia, solo e unicamente mia.

Acquisto:
In vendita qui in edizione Kinde, cartacea e per KU:
https://www.amazon.it/BLACK-WIZARD-FORTE-DEL-TEMPO-ebook/dp/B071F6JRXB/ref=sr_1_1?ie=UTF8eqid=1497372303esr=8-1ekeywords=black+wizard+++forte+del+tempo




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47556 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47699 KB
Better Tag Cloud