search
top

DOLORE FANTASMA di Thomas Enger

“Scopri chi mi ha incastrato e ti dirò tutto quello che so sulla morte di tuo figlio”

In che modo Tore Pulli, noto businessman dal passato criminale, può essere legato all’incendio dell’appartemento del giornalista Henning Juul in cui è rimasto ucciso suo figlio?

Da due anni Juul vive nell’incubo e nel dolore di quella perdita. Una parte di se gli è stata tolta e lui è costretto a convivere con questo dolore fantasma.

Non capisce, chi e perché gli ha fatto questo? Nessuna risposta. Nessuna traccia da seguire, finché un giorno non riceve una telefonata da Tore Pulli dalla prigione in cui è stato rinchiuso, accusato di un omicidio che a suo dire non ha commesso.

 

La verità sulla morte di Jonas in cambio di scoprire chi l’ha incastrato, questo l’accordo.

Per Juul,  aiutato da un suo collega, inizia una dura ricerca che lo porterà ad indagare  e a scavare nella vita di molti persone malavitose e poco raccomandabili.

Un thriller avvincente, in un crescendo di tensione in cui lettore si ritrova sempre più coinvolto. Molte le vicissitudini che colpiscono non solo di  Henning Iuul ma anche diverse persone innocenti che da una vita normale si ritrovano improvvisamente catapultate, non per propria volontà, in una realtà losca e pericolosa.

Nero il colore di cui si tinge Oslo in questo romanzo, un thriller appassionante.

Personalmente ho apprezzato molto quell’ansia mista curiosità che mi ha accompagnata per tutta la lettura del libro e che mi ha lasciata con il fiato sospeso fino all’ultima pagina.

Lo scrittore ha saputo molto abilmente intrecciare diversi protagonisti coinvolti per scelta e non alla vicenda, in uno stile  fluido e scorrevole.

Ammetto che le prime pagine mi avevano lasciata un po’ perplessa, non riuscivo ad inquadrare bene la situazione. Ma non conoscevo questo scrittore e so che ha scritto un altro romanzo precedente “Morte apparente”, in cui il protagonista è sempre il giornalista Henning Juul. Magari se lo avessi letto e conosciuto già il personaggio, mi sarei risparmiata questo commento. Di sicuro “Morte apparente” sarà una delle mie prossime letture!

ADG




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47618 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47784 KB
Better Tag Cloud