search
top

Eynthra – Quinta Era Della Natura –


Tutto ha inizio con una nuova battaglia tra le Terre di Eiynthra e Sincramj, durante la Quinta Era della Natura. Uno scontro violento, privo di ogni regola, eccetto il sopravvivere e uccidere quanti più nemici possibile. Guidati dal valoroso Primo Comandante Amyntas, i guerrieri di Eiynthra andranno incontro alla gloria racchiusa nella vittoria, o alla morte celata dietro la sconfitta. Diverse Ere si snodano nella lettura, passando per l'avvenimento della Prima Era della Natura, dove la giovane Annabelle comprenderà la verità sulla sua esistenza, attraverso avvenimenti particolari quanto bizzarri. Agguerrite lotte tra maghi, guerrieri e demoni, oscuri misteri e grandi minacce, costituiranno il fato dei protagonisti, eroi pronti al sacrificio per il bene della propria Terra. Guerrieri dalla forza unica e maghi dalle abilità straordinarie, sono i personaggi principali della Quinta Era della Natura: il valoroso Amyntas, Primo Comandante dell'esercito di Eiynthra, la seducente e potente maga Lilias, e il giovane Vearìlee, saranno i protagonisti di questa fiaba che li porrà dinanzi a nuove sfide e alla più grande minaccia che la loro Terra abbia mai incontrato.

Editore:
Wondermark Libri

Genere: Fantasy

Estratto:
[...]Le ringhia scatenate dai Sincramj avrebbero fatto paura a chiunque, ma non agli Eiynthra, non ad Amyntas. Rimasero tutti immobili, in attesa che i nemici formassero le file per lo scontro. Amyntas toccò la magica pietra di Leintemosia incastonata nel suo polso, coperta solo ai bordi dall'armatura. I cristalli contenuti nella pietra iniziarono a girare vorticosamente, rendendola lucente come una stella mattutina. Amyntas iniziò a sprigionare una forte energia attorno a sé, e quando sentì di essere pronto lanciò il suo incantesimo « Magia Strutturale: Respiro del Vento ».
Un sottile turbinio avvolse Amyntas facendo sì che i suoi piedi non toccassero piu il terreno, cosicché la neve non sarebbe più stata un ostacolo. Estrasse la sua spada retrattile, la posizionò vicino al petto e senza far fuoriuscire la lama, lentamente iniziò a fluttuare verso i Sincramj. Accadde tutto in un attimo.
Una voce spezzata

Una goccia

Sangue Sincramj
Al centro della radura era rimasto un leggero luccichio dato dai cristalli di neve alzati al suo passaggio, neve che presto avrebbe cambiato colore. Amyntas era finito alle spalle del comandante dei Sincramj, infilzando con la propria lama la gola di un guerriero, arrivando a sfiorare quella del soldato in seconda fila. Ritirò solo la lama, e prima che la testa toccasse il terreno, Amyntas era di nuovo davanti ai suoi uomini, pronto a dare il comando di attacco.
Le grida dei Sincramj si fecero piu esasperate, e pochi nelle retrovie scapparono. Il loro comandante faticò a ripristinare quel poco di ordine di cui disponevano. Amyntas si voltò verso i suoi uomini.
Amyntas: « Figli di Eiynthra! I Sincramj hanno invaso per l'ultima volta la nostra adorata Terra! »
Soldati: « Eiynthra! »
Prima che Amyntas potesse continuare e dare l'ordine di attacco, si udì una forte esplosione da Nord Ovest, seguita da una nube nera che saliva al cielo. « Primo Comandante! E' Avani! » esclamò il Comandante di Secondo Grado Nerva. Amyntas fu pervaso dalla collera. Avrebbe dovuto prevederlo, poiché Avani era la prima cittadina che i Sincramj avrebbero incontrato da quel passaggio. « Comandante di Terzo Grado! Prendete tutti i vostri uomini e correte ad Avani, senza perdere altro tempo! » comandò impassibile Amyntas. Rimasto voltato verso i suoi uomini, ordinò al Mago di Difesa un diversivo per lasciare che i soldati di Amalric corressero in soccorso di Avani. Senza esitare, il Mago di Difesa si concentrò lasciando che la pietra di Leintemosia facesse il suo dovere « Magia Del Caos: Terremoto! ». La terra iniziò a tremare al centro della Radura, davanti ai soldati delle Terre Sincramj. Amalric non perse tempo, ordinando ai suoi uomini di prendere la strada per Avani, nel tentativo di raggiungerla il piu rapidamente possibile. Quando il gruppo di soldati incaricato fu distante, il terremoto cessò. Amyntas diede nuovamente i suoi ordini.
Amyntas: « Figli di Eiynthra! Sollevate le vostre spade e reclamate giustizia! I Sincramj non proveranno pietà, ma noi obbediamo alla Natura e daremo loro una morte degna! »
Soldati: « Morte! Morte! Morte! »
Amyntas: « Piangano le vostre lame insieme agli Spiriti della Natura! Oggi si celebra la morte! »
Soldati: « Morte! Morte! Morte! »
Amyntas: « Soldati! All'attacco! »

Acquisto:
http://www.amazon.it/Eiynthra-Quinta-era-della-natura/dp/8896739586/




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47551 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47694 KB
Better Tag Cloud