search
top

Fiume di tenebra


Fiume di Tenebra è più di un romanzo, è molti romanzi. O meglio, è un romanzo a strati. A un primo sguardo, si tratta della ricostruzione di una pagina tanto peculiare quanto oscura della storia italiana: dopo la Grande Guerra, si fa strada in alcuni animi italiani l'idea della vittoria mutilata; il poeta soldato D'Annunzio, incapace di porre fine ai suoi ardori guerriglieri, entra a Fiume con il suo gruppo di soldati Arditi a cui nulla è rimasto da perdere se non la vita per un ideale. Il sogno patriottico di D'Annunzio si trasforma però in qualcosa di distorto, confuso e paradossale, e Fiume diviene un "mondo a parte", che non piace alle autorità italiane. In questo contesto, la storia racconta di un fallito attentato ai danni di D'Annunzio che avrebbe preso le mosse da un gruppo di cospiratori. Fiume di Tenebra è questa storia, ricostruita dall'interno; è il racconto di Italo Serra, comandate nato e sopravvissuto, che parte per Fiume con una missione da compiere: uccidere D'Annunzio. Basato su fonti storiche, testimoni dell'attentato al Vate, questo romanzo costruisce una storia di uomini affranti dalla Grande Guerra, di soldati bambini incapaci di ritornare alla vita e di italiani entrati a Fiume Città di Vita, a Fiume la Santa, per sostenere un sogno poetico di libertà.
Senza dubbio incuriosisce che il romanzo prenda il via da fatti reali; il legame con una realtà storica di per sé discussa e forse mai del tutto chiarita, così come la presenza di nomi che richiamano un'identità storica e culturale, suscita necessariamente interesse in ogni lettore italiano. Esiste una complessità tipica delle narrazioni di vicende contraddittorie come quella di Fiume, che consiste nel rischio di situarsi ideologicamente da una parte, finendo per dare una visione soggettiva della storia. Gli autori di Fiume di Tenebra riescono a evitare questo giudizio di valore, e a trasmettere la complessità della vicenda lasciando aperta ogni possibilità. Scrivendo a quattro mani ma con un unico stile, Massimiliano e Pier Paolo di Mino depositano nelle mani di Italo Serra le contraddizioni di Fiume che sono anche quelle della natura umana, un congeniale Italo Serra preda di traumi interiori ed esteriori, indecisioni, tentennamenti, incongrue amicizie, riflessioni introspettive che indubbiamente non trovano spazio neanche nei migliori libri di storia.
Nella seconda parte del romanzo, Italo Serra si trova a Fiume, coinvolto nella vita quotidiana di alcuni soldati sostenitori del Vate. La narrazione, che avviene sempre dall'interno, si nutre di un linguaggio forte, crudo, sorprendente, che catapulta il lettore indietro nel tempo, spettatore inerme di episodi drammatici e profondamente umani. I personaggi storditi dalla storia si muovono in atmosfere deliranti, rinnegano i bisogni primari dell'uomo in nome di un nuovo essere, per il quale il cibo e il sonno altro non sono che veleni che distolgono l'attenzione dalla loro teatrale missione militare e poetica. La ricerca della verità si nutre di cocaina e di droghe che imitano la funzione dell'oppio nei poeti visionari, coloro che fumano per vedere aldilà della pelle del giorno, coloro che, come dice Cocteau, si drogano per scendere dal treno espresso che corre verso la morte. La poesia copre come un velo la totalità del romanzo, trasformando il patetico in mistico. Essa eleva la ricerca di una giustizia al di sopra dei confini della storia, una giustizia naufragata nell'ingiustizia della condizione umana. È qui che il romanzo si separa dalla storia e diviene atemporale, perché Fiume si trasforma in un simbolo della ricerca di un'umanità perduta.
"Questa storia non è mai successa a nessuno" esordisce il romanzo. Una frase che racchiude un doppio significato: da un lato rifiuta la definizione di "romanzo storico", dall'altro innalza la storia sopra la storia, trasformandola in mito, in momento simbolico dell'Italia, dell'uomo. La simbologia religiosa ritorna costante e violenta nei dialoghi dei personaggi, richiamando un sentimento primordiale di peccato e redenzione insito nella morale cristiana, prigione dell'uomo libero. Allo stesso tempo, si situano come riferimenti credibili in un'Italia del 1920, nella quale i soldati partivano per la guerra forti di una solida fede religiosa.
I simboli religiosi si alternano a quelli pagani, attraverso i quali si riversano la rabbia e il timore ancestrali nell'uomo che diventa bestia. La bestia-poeta è la grande contraddizione di Fiume e dell'uomo; è la contraddizione di D'Annunzio, che si fece amare e odiare da un popolo intero. La terminologia animalesca utilizzata per descrivere i soldati non può non ricordare la figura mitologica del centauro, metà uomo e metà animale, possessore di tutti i pregi e tutti i difetti dell'uomo. Gli autori di Fiume di Tenebra scrivono con la zappa in mano, con quella brutalità necessaria a scavare nella memoria della specie, nei sentimenti di distruzione atavici dell'uomo. All'inizio della seconda parte del romanzo, diviso in due parti e numerosi capitoli brevi e incalzanti, compare una citazione di Carl Gustav Jung: "Il segreto è che solo ciò che può distruggere se stesso è vivo". Ecco come si esprime la ricerca dei soldati, che nel delirio arrivano a fare chiarezza sulla condizione umana.
L'introspezione presente nelle riflessioni del tenente Keller, di Giuliano, di Comisso, dello stesso Serra, si manifesta spesso per metafore che si nutrono di elementi naturali rappresentativi di sensazioni e disagi umani, come la nebbia, l'acqua, le tenebre, o ancora attraverso oggetti tipici della ricerca psicanalitica, quali gli specchi, artefici della costruzione della natura illusoria dell'uomo. I riferimenti al mondo antico e agli eroi greci sono numerosi e conferiscono un carattere epico all'opera e all'impresa di Italo Serra. Nell'ultima parte, si rivive un altro incontro mitico, quello tra Eros e Thanatos, intesi in psicologia come la pulsione di vita e la pulsione di morte ma teorizzati da Bataille e dai filosofi francesi del ‘900 come stretta e naturale relazione tra l'erotismo e la violenza.
Colpevole di questo incontro-scontro tra Eros e Thanatos è la bella Ada, una donna che come Italo Serra progetta la fine dell'esperienza fiumana. La casa di Ada, nella quale Serra viene trascinato, è un ambiente estraneo a tutto il resto, profondo, assurdo, incomprensibile. É la tana del Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie, descritta minuziosamente, con porticine che conducono ad altre porticine sulle note di un pianoforte in fondo all'oceano, un mondo parallelo a quello in superficie, un mondo di terrore e di gioco, ma di gioco mortale. "Questa storia non è mai successa a nessuno", non è mai successa a nessuno ma più di altre narra una verità nascosta. Così è l'arte, per dirlo ancora con Cocteau: un paradosso che rivela la realtà, o più semplicemente, una menzogna che dice sempre la verità.

Editore:
Castelvecchi

Genere: Narrativa italiana

Estratto:
«Il capitano Italo Serra, ufficialmente assegnato alla dodicesima compagnia dei Lancieri di Novara, ufficialmente disertore dal suo corpo di armata, dal suo esercito, traditore del suo re e del suo Paese, in quel momento non era nessuno: era qualsiasi cosa.
Era uno qualsiasi di questi giovani uomini del Novantanove, del Novantasei, Novantacinque, persi qui nel cuore di Fiume, nel cuore fiammeggiante di questa irredenta Olocausta: anche lui seduto in mezzo a questi ragazzi della brigata Disperata, tutti ragazzini con l'alito ancora profumato di tenerezze materne che si danno l'aria di uomini solo perché sono sopravvissuti.
Tutti i sopravvissuti finiscono per immaginare che la loro condizione abbia qualcosa di eccezionale, che il non essere morti sia dovuto a qualche loro merito o a qualche loro peccato. Peggio, molti arrivano a convincersi che sopravvivere sia vincere.
In quel momento il capitano Serra era più che ragionevolmente sicuro che ognuno di questi ragazzini agli ordini del tenente Keller lo vedesse come uno di loro. Uguale a questi ragazzi sbandati che il tenente Keller aveva trovato nascosti nel cantiere navale, in uno stato miserevole. Cuccioli di cane che si tiravano addosso l'un l'altro bombe e proiettili di fucile tanto per distrarsi. Uguale a questi soldati sbandati e persi quaggiù»

Acquisto:
http://www.lafeltrinelli.it/products/9788876154300/Fiume_di_tenebra/Di_Mino_P_Paolo.html

http://www.libreriauniversitaria.it/fiume-tenebra-ultimo-volo-gabriele/libro/9788876154300

http://www.ibs.it/code/9788876154300/di-mino-massimiliano/fiume-tenebra-ultimo.html




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47619 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47791 KB
Better Tag Cloud