search
top

HARALD SZEEMANN – L’ARTE DI CREARE MOSTRE

Ambra Stazzone

HARALD SZEEMANN

L’ARTE DI CREARE MOSTRE 

haraldszeemann_72_dpi

«Io non sono un critico. Sono un curatore…
un poeta dello spazio.»

Harald Szeemann (Berna 1933 – Tegna 2005), prima figura di curatore indipendente, è internazionalmente riconosciuto come uno dei maggiori protagonisti dell’arte contemporanea. Nel corso della sua lunga e intensa carriera ha ideato ed allestito circa duecento mostre, numerose delle quali imprescindibili per

la comprensione di alcuni snodi fondamentali dell’arte del Novecento. Il volume indaga la singolare metodologia curatoriale di Szeemann e la sua continua ricerca in relazione al rapporto opere/ spazio grazie ad un’ampia raccolta di schizzi, piantine e foto degli allestimenti.Una serie di sue conversazioni inedite con l’autrice raccolte nel
corso degli anni presso la Fabbrica, il suo studio/ archivio sito in Canton Ticino, introduce a un’attenta riflessione sul suo metodo di lavoro in rapporto alle principali mostre realizzate, dalla dirompente When Attitudes Become Form, alle mostre tematiche quali Le Macchine Celibi, Monte Verità, Der Hang zum Gesamtkunstwerk, monografiche di artisti quali Mario Merz, Joseph Beuys, alle Biennali d’Arte di Venezia del ’99 e del 2001.

Ambra Stazzone

Critico d’arte e curatrice, insegna Storia dell’artec ontemporanea all’Accademia di Belle Arti di Catania. Suoi testi sono stati pubblicati su giornali e riviste

oltre che su cataloghi di mostre. Componente del comitato curatoriale della GAD-Galleria d’Arte contemporanea e Design di Catania. Ideatrice e curatrice di jnd urban art festival, di rev-u video contest e di jagged short film festival. Tra le mostre curate brevidistanze, Palazzo Riso, Palermo; /barbaragurrieri/group, neon>fdv Milano; pre-visioni,
Palazzo Valle, Catania; paradise lost, Palazzo dell’Arengo, Rimini, varie edizioni di gemine muse.




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47531 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47670 KB
Better Tag Cloud