search
top

I Figli della Luna Piena


Quando la luce del sole muore, non tutti dormono. Alcuni esseri, nelle notti di plenilunio, vagano nell'oscurità commettendo atroci delitti contro il genere umano. Le forze del male guidano le loro azioni e si sono impossessate dei loro corpi per farne strumenti di morte e di distruzione. Non sono più degli esseri umani, sono "I Figli della Luna Piena".
Personaggi, luoghi e avvenimenti descritti in questi racconti sono puramente immaginari. Tutto è opera della fantasia, tranne i demoni. Perché i demoni sono reali.

"La Notte della Bestia": Luisa viene aggredita di notte da un licantropo. Davide riesce a fuggire e cerca soccorso in una vicina locanda: gli avventori credono alla sua storia, anzi sembrano conoscere fin troppo bene la realtà dei fatti e gli negano qualsiasi aiuto.
"Niente e Nessuno": Julian ha perso la sua amata, denunciata all'Inquisizione ed arsa viva per stregoneria. Egli ha giurato solennemente che un giorno si sarebbero ricongiunti e mantiene la promessa a distanza di secoli, ma Sarah non è pronta per il suo ritorno.
"Lama d'Argento": un cacciatore di demoni dei giorni nostri viene ferito. E' sfiorato dal dubbio di dover usare il pugnale contro di sé, ma neppure in quel momento la certezza dell'esistenza dei vampiri viene posta in discussione.
"La Città Maledetta": Marco rinviene dopo un incidente d'auto, ma Anna non è più al suo fianco. Tuttavia questo è solo il primo dei suoi problemi, in quanto scopre che la città è infestata da inquietanti presenze e tutti gli abitanti sono perduti.

L'opera costituisce la prima parte della raccolta antologica dei racconti inediti dell'autore, raccogliendo in totale quaranta brevi incursioni in un mondo fatto di tenebra, nel quale possiamo trovare tutti i demoni dell'immaginario collettivo, senza dimenticare come talvolta i demoni siano da ricercare nell'uomo e nelle sue stesse azioni. La raccolta prosegue con "Il Canto della Civetta", disponibile su Amazon.

Genere: Horror, Fantascienza

Estratto:
La Notte della Bestia (estratto dal primo racconto)

"Elisa!".
La Bestia sollevò solo per un attimo il muso dal suo pasto, il tempo appena sufficiente per ringhiare sommessamente. Era troppo riluttante a lasciare la sua preda per andare a cercare il proprietario di quella voce.
"Elisa! Dove sei?", chiamò ancora Davide.
Questa volta era più vicino, ma la Bestia non badò a lui. Almeno per il momento. Forse considerò la stranezza del fatto che quella notte ben due persone si fossero avventurate nel bosco, troppa fortuna per una volta sola. Con famelica impazienza affondò le zanne nelle viscere ancora calde di Elisa; più tardi, si sarebbe occupata anche del secondo intruso.
"Elisa!", chiamò Davide per l'ennesima volta, con disperata insistenza. La sua torcia elettrica emanava un cono di luce che si spostava instancabilmente a destra e a sinistra, sondando tra le ombre nei cespugli. Ripensando a ciò che era accaduto alla locanda, Davide adesso aveva paura a girare da solo per il bosco.

Acquisto:
Disponibile su Amazon in formato e-book a questo indirizzo: http://www.amazon.it/I-Figli-della-Luna-Piena-ebook/dp/B00FSEQO0S/ref=sr_1_1?ie=UTF8eqid=1386232772esr=8-1ekeywords=gianluca+ingaramo




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47602 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47772 KB
Better Tag Cloud