search
top

IL CORNICIAIO

 RECENSIONE DE ‘IL CORNICIAIO’ DI LUCIANO POMONI

Noir – Che la carneficina abbia inizio.

 Schermata 2015-01-14 alle 11.48.18

Autore: Luciano Pomoni

ISBN: 978-88-97674-21-4

N.pag.: 206

Rilegatura: Brossura con alette

Formato: 14×21

Genere: Noir

Prezzo di copertina 14,00 €

Descrizione

Nord Est. La primavera è turbata da una serie di misteriosi delitti. In un sottobosco di prostituzione balcanica, ambienti omosessuali ed esoterismo orientale, Federico, un ambiguo corniciaio trentenne, Emma, giovane e affascinante psicologa e Massimo, misterioso cultore di magia nera, incrociano le loro solitudini. In un gioco di specchi, dove ciò che appare è solo un riflesso della realtà, il commissario Mario Angeletti cercherà tenacemente di dare un volto e un nome al misterioso “angelo della morte”

LINK RUNA EDITRICE

http://www.runaeditrice.it/index.php/libri/view/productdetails/virtuemart_product_id/44/virtuemart_category_id/14.html

L’AUTORE

Luciano Pomoni (Venezia 8 febbraio 1956)

È laureato in Storia Contemporanea e ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio in ambito culturale e sociopolitico.

Pubblicazioni:

Il gruppo giovanile nazionalista di Venezia, in “Venetica”, Verona, 1996, Cierre Edizioni. 

Il Dovere Nazionale. I nazionalisti veneziani alla conquista della piazza (1908-1915), Padova, Il Poligrafo,1998. Collana Universitaria “Ricerche” Facoltà di Lettere e Filosofia – Ca’ Foscari.

Il Dovere Nazionale. L’occasione politica di Gino Damerini, in  “La Venezia di Gino Damerini” Atti del Convegno, Venezia, Ateneo Veneto – Cartotecnica veneziana s.r.l., 2001.

L’ascesa e la caduta di un “Sindaco di paglia”, in “Venezia nell’età di Riccardo Selvatico”, Venezia Mestre, Ateneo Veneto – Cetid s.r.l., 2004.

La Mossa al Nero, Lettere Animate, 2012

Il Corniciaio, Runa Editrice, 2013 noir esoterico di prossima pubblicazione, a cura di Martina Galvani.

RECENSIONE

Un thriller esoterico, un noir sfumante nell’horror dell’occulto, un autore che fa da new entry in questa sorta di nuovo genere letterario.

Di solito non amo questa categoria di letture, però devo dire che l’autore ha trovato la chiave giusta per far entrare le misteriose pratiche orientali esoteriche in una trama che sfocia in un’indagine poliziesca, dove tutto sembra apparentemente chiaro, ma in cui il fiuto sospettoso di un buon commissario di provincia saprà guardare oltre e arrivare ad una conclusione alquanto ambigua e adatta ad un film dell’orrore.

Il romanzo non si può chiaramente classificare in un solo genere, ma in molteplici sottogeneri che donano alla trama completa una particolare unicità all’idea romanzesca.

L’ho trovato un libro dallo stile abbastanza scorrevole, ma forse alla fine mi sarei aspettata più suspence e meno spiegazioni, ma ben più colpi di scena che avrebbero reso il tutto un vero thriller-horror.

Comunque l’idea di fondo ha reso il finale in parte veramente sorprendente e adatto ad uno sfondo esoterico e trascendentale, proprio perché il lettore continuerà a chiedersi se davvero ci sia un fondo di possibile verità di tutto questo ai giorni nostri.

Così spinge quasi la curiosità del lettore a voler indagare anche su libri scientifici o addirittura andare a scovare quanto ci sia di vero nelle tecniche cinesi di libri orientali ed esoterici.

Una lettura che rimane impressa proprio per la sua particolare sfumatura di giallo sanguinario che vede nascere le sue radici nella materia più impensata e difficile da comprendere fino in fondo, quale è l’occulto.

Mi è piaciuto molto proprio perché lo scrittore è riuscito a unire bene il tutto scegliendo anche personaggi davvero originali e ben strutturati come Federico, il famoso e giovane corniciaio, protagonista della storia.

Pomoni ha saputo intrecciare il moderno uso dei social network, il difficile e comune tema dell’omosessualità e un argomento odierno come quello della prostituzione balcanica, senza scordarsi di aggiungere il coraggio della profonda storia di Emma e della sua famiglia, toccando temi delicati come l’antisemitismo.

Emma riuscirà a riscattare se stessa e la sua intera famiglia dal male che ha procurato in passato ad una famiglia ebrea, derubata di ogni gioia per riuscire a costruire la ricchezza altrui?

E Massimo, misterioso personaggio amante delle dottrine esoteriche, cosa nasconde veramente dentro di sé, visto che per ogni decesso accaduto si accomuna sempre la sua presenza al delitto?

E Federico sarà veramente quello che sembra? Ed è proprio qui che nasce la disperata lotta con noi stessi, per sembrare ciò che non siamo di fronte agli altri soltanto per compiacerli, mentre all’improvviso la vita stessa ti denuda di tutto e la soluzione migliore è apparire veramente per come sei nel bene e nel male.

Un’ambientazione odierna dove tutti i sentimenti e le emozioni dei protagonisti si incrociano e ballano quasi un malefico sabba, pronti a sacrificare il prossimo per uscire dalla temuta realtà dei fatti.

Una trama reale che si veste di irreale per stupire ogni lettore con sanguinari riti quasi impensabili da realizzare.

Conferisco tre stelle e mezzo a questa lettura, che ho trovato discreta e particolare, ma spero di leggere molto altro di questo autore, il quale mi auguro la prossima volta ci possa far rabbrividire con qualche colpo di scena in più.

Un libro adatto a chiunque ami l’occulto, l’esoterismo e voglia sapere di più sulle impressionanti pratiche orientali che incombono sulla sorprendente ‘risoluzione del cadavere’.

Francesca Ghiribelli




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47563 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47732 KB
Better Tag Cloud