search
top

IL PICCOLO PRINCIPE E IL MERCANTE, Manuale divulgativo prevenzione/cura tossicodipendenze


IL FOGLIO, di Giuliano Ferrara, quotidiano (venerdì 24 ottobre 2014)
AFFARITALIANI, quotidiano online (rubrica Café Philo)
IL GIORNALE, rubrica "Indiscreto", quotidiano cartaceo

Tratto da AFFARITALIANI:
...Ora scoppia il caso. La politica non sa più cosa inventarsi. L'uso di sostanze stupefacenti è all'ordine del giorno, cambiano gli utilizzi e la somministrazione. Dove trovare la soluzione? La sensazione è che si debba partire dal basso. Che sia necessario immergersi in questa 'normalità' in questa nuova dimensione che riguarda giovani e meno giovani. E qui entra in gioco la filosofia. Componente fondamentale del secondo lavoro della scrittrice e filosofa della scienza Carolina Sala, laureata con Giulio Giorello autrice de 'Il Piccolo principe e il mercante', un manuale sulla tossicodipendenza che sarà presto nelle librerie, dotato di una prefazione letterario-filosofica tratta da 'Il piccolo principe' di Antoine de Saint-Exupéry, in cui i due personaggi, che rappresentano rispettivamente il giovane curioso e l'adulto tentatore, conducono il lettore alla problematica. La domanda di fondo è prettamente filosofica: riguarda la libertà. Quale gesto esprime maggiore libertà: prendere un farmaco per sedare la sete (come nel caso della storia qui narrata) o iniziare un percorso verso la fontana anchè se è lontana? E come questa tante domande sul nesso tra libertà e droga. Per aprire un ampio discorso che tocca individuo e società.

"Il manuale è uno studio innovativo pensato appositamente per ragazzi dai 6 ai 30 anni di età, ma anche per i loro genitori e per gli educatori/insegnanti che hanno voglia di semplificarsi la vita". Spiega ad Affari Carolina Sala. "E' ricco di nozioni (storiche, epistemologiche, psicologiche, pedagogiche, farmacologiche, mediche/analitiche) e partendo dal presupposto che le droghe hanno l'età dell'uomo affronta l'argomento in maniera chiara e scientificamente precisa. Senza puntare il dito sul problema, ma descrivendo delle situazioni, spiegando degli effetti, raccontando delle storie".

"Ho cercato di ricostruire il problema partendo dal basso. Dal mondo di chi vive l'uso comune ella droghe, non di chi giudica o chi fa politica". E la filosofia? "Mi ha accompagnato in tutto il percorso. E' un libro storico e filosofico oltre che medico/scientifico". Supportato dai grandi classici del tema (come Psicologia sociale della responsabilità. Giustizia, politica, etica e altri scenari di Adriano Zamperini, Droghe. Tossicofilie e tossicodipendenza di Salvini e Zamperini, La diagnosi nei disturbi da uso di sostanze di Lucchini) risulta più efficace e innovativo proprio grazie al taglio filosofico della prima parte che contestualizza il problema e lo rende chiaro anche ai meno esperti.

Editore:
LA QUERCIA

Genere: ragazzi, educazione, prevenzione, scolastica

Estratto:
Un giorno il Piccolo Principe incontra un mercante.
Un tizio che vendeva pillole per placare la sete.
Pillole che addirittura avevano il potere di non farla sentire la sete.
Si sostituivano all'acqua e il tempo che si perde per bere non si perde più. Non si beve più. Per il mercante bere era una grossa perdita di tempo.
Il Piccolo Principe si meraviglia e non capisce perché voler sostituire una serena camminata verso una fontana con delle pillole inghiottite in un secondo possa fare bene o servire a qualcosa.
Esistono due tipi di persone.
Chi la pensa come il mercante, forse, non riesce ad accettare tutto ciò che è la vita, senza ritrovati chimici contro la sete o la fatica, o il dolore, o la frustrazione, o il tempo che passa.
Chi la pensa come il Piccolo Principe è sicuramente più forte e certamente più sereno.
Imparare a gestire il dolore, la sconfitta, la frustrazione, la perdita, il lutto è la sfida!
Imparare anche a staccarsi dal gruppo di riferimento (per gli adolescenti e i preadolescenti fondamentale) senza sentirsi diversi ogni qualvolta il gruppo fa qualcosa che riteniamo essere sbagliato secondo i nostri valori, i nostri insegnamenti, i nostri modelli di riferimento.
Non si puo'impedire al vento di soffiare, si puo' pero'attaccarsi forte ad un albero, vacillare, ma non cadere.
Questo è il messaggio che ti deve passare dopo avere analizzato insieme le sostanze stupefacenti e i loro effetti.
E' importante che tu sappia che un vero leader è una persona forte, sana, responsabile, che conosce i propri limiti, capace di smuovere il mondo, capace di far fronte alle difficoltà e in grado di dire di no al momento giusto senza per questo sentirsi un debole o un diverso. La libertà è tutto ciò che abbiamo conquistato.
Perderla per dipendere da una droga è sicuramente la sconfitta più grande.

Acquisto:
Librerie online versione integrale de la Quercia ed.
SCONTATO IN: www.ibs.it
ordinabile per le scuole/librerie fisiche: laquerciaeditore@aol.it




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47537 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47680 KB
Better Tag Cloud