search
top

Il Tempo Relativo


Il tempo relativo, di Diana Mayer Grego, è un libro di rara delicatezza una raccolta di poesie che, come cita l'autrice stessa, è "il lento scorrere del tempo di elaborazione" e al tempo stesso il lento scorrere dei brividi che i suoi versi poetici fanno provare al lettore.
La maturità stilistica dei passi che presenta Diana è limpida come una sorgente montana durante una torrida giornata estiva sgorga dalle viscere e arriva sin al centro della nostra essenza.
Quello che cominciamo insieme a Diana aprendo il suo libro, è un percorso di emozioni che l'autrice non si limita a buttare su carta ma che condisce con il senso più profondo di ogni parola, che riempie di significati e vibrazioni che fanno in fretta a riversarsi negli occhi e nel cuore del lettore che ha piacere di gustarsi questa lettura, struggente, delicata e piena al tempo stesso.
Il tempo relativo è un titolo davvero azzeccato per questa raccolta: il tempo che passa, il tempo che lenisce ogni male – anche se non è davvero così – il tempo che è sempre qualcosa di relativo quando si lotta contro un dolore, quando si deve elaborare e proseguire lungo un percorso.
Ed è questo che l'autrice fa in mezzo a queste pagine: elabora, supera, chiude il cerchio e va avanti, lasciando in memoria nel tempo i tasselli di un puzzle armonico e poetico, alla mercè di noi lettori che non possiamo far altro che arricchirci con la sua lettura.
Il tempo relativo è quel tempo che serve per superare un dolore, necessario per ogni essere umano ma differente per ciascuno. Per Diana è invece tempo del riscatto, perché profondamente conditi di significati palpabili e veri, le sue poesie catturano, conquistando chi ha il piacere di leggerle.
Lo stile è ricercato, profondo, delicato e deciso al tempo stesso: non troverete il solito libro di poesie ad attendervi in lettura ma seta delicata che vi aprirà l'anima, trasmettendovi ogni singola emozione e facendovi credere che se il tempo è relativo, quello per un buon libro è invece sempre speso bene.
Congratulazioni all'autrice
Deborah Fasola

Editore:
Montecovello

Genere: Poesie

Estratto:
"Lei non era dolore o paura, era onorata di essere stata scelta per stare con noi per il breve tempo che gli era concesso. Era così che poteva preparare sua madre per quel compito che non conosceva. La madre non voleva, "ancora una volta", "solo un attimo ancora", avrebbe voluto tenerla con sé, avrebbe voluto che il tempo si fermasse ... legarla a sé per sempre e che questo suo compito non le fosse assegnato.
Lei non era più sola, era guidata nella vita e nella morte da questa luce superiore.Fra le lacrime e la disperazione la madre accettò il suo destino e il cerchio si chiuse. Il suo cuore si sentì in pace per sempre e le loro anime attesero di riunirsi in qualcosa che va al di là del conosciuto. Nulla era più confuso Lei era andata via "libera in pace".

Acquisto:
http://attraversoimieiocchiblu.blogspot.it/p/i-miei-libri.html




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47604 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47776 KB
Better Tag Cloud