search
top

In anteprima ARTE IN ITALIA TRA LE DUE GUERRE

Fabio Benzi

Arte in Italia tra le due guerre

 

In libreria 17 ottobre

 

Sino a oggi l’arte italiana del Ventennio non ha trovato una storiografia adeguata. Nel dopoguerra, e per decenni, si sono salvate prevalentemente figure singole e scuole ritenute – talora con palese forzatura – frondiste e marginali, retrodatandone artificiosamente il tardivo antifascismo. Così un duplice torto si è consumato ai danni di una stagione figurativa di altissimo livello: sotto attacco, negli anni trenta, da parte delle frange più retrive e autarchiche, che inveivano contro «i più rancidi prodotti del così detto “modernismo”», ossia «la malattia esterofila, la tubercolosi deformista, il gonococco astrattista e lo spirocheto novecentista», ha patito in seguito la strategia silenziante di una vulgata che la sviliva, con analoga intenzione di azzeramento, a esclusiva arte di regime. Fabio Benzi, tra i maggiori studiosi di quel periodo artistico, si libera dei clichés più usurati e mistificatori e in un saggio di svolta riscrive daccapo l’intera vicenda. Nel quadro che ricompone davanti a noi, corredato di un’antologia di testi teorici e di una ricca iconografia, tutto acquista nitore, protagonisti e comprimari, opere e idee, mostre e manifesti programmatici, movimenti e poetiche di gruppo, mentre risalta la loro statura internazionale e viene in luce la capacità della politica culturale fascista di metabolizzare avanguardie in lotta reciproca.
I cultori di un realismo didascalico o di una «anemica» pittura da cavalletto vennero oscurati dal giganteggiare di espressionismo, astrattismo, futurismo nelle sue diverse propaggini, «macchinista» e biomorfa. E fascisti dichiarati furono gli artisti di spicco, dal Sironi muralista a Prampolini a Marinetti, da Severini a Balla a Martini. Sostenuti a loro volta dai vertici del regime, che per bocca di Bottai rinunciò a «decaloghi» e «massimari» estetici. A creare un’«arte fascista» sarebbero bastati «artisti autentici e schietti».

Fabio Benzi è professore ordinario di Storia dell’arte contemporanea all’Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara, dove ha lungamente presieduto il Corso di laurea in Conservazione dei beni culturali. Ha collaborato con importanti musei in Italia e all’estero, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, il Museo Puškin di Mosca, il Musée d’Art Moderne de la Ville di Parigi, il Kunstforum di Vienna, il Guggenheim Museum di New York e l’Eretz Israel Museum di Tel Aviv. I suoi saggi spaziano dall’arte rinascimentale (Sisto IV Renovator Urbis. Architettura a Roma, 1471-1484, 1990) a quella contemporanea. Tra i più recenti: Liberty e Déco. Mezzo secolo di stile italiano, 1890-1940 (2007), Giacomo Balla. Genio futurista (2007), e Il Futurismo (2008).

 




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47633 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47801 KB
Better Tag Cloud