search
top

In anteprima MICHELANGELO

Christoph Luitpold Frommel

MICHELANGELO
Il marmo e la mente

Schermata 2014-11-02 alle 10.35.42

Nei prossimi giorni in libreria

Un’opera definitiva sulla scultura di Michelangelo scritta dal suo maggior studioso
Una campagna fotografica straordinaria dopo il restauro della tomba di Giulio II
Le statue riprese da molteplici angolature nei loro dettagli più stupefacenti e inediti

 

Un’opera definitiva sulla scultura di Michelangelo scritta e diretta dal suo maggior studioso, Christoph Luitpold Frommel, con una campagna fotografica attuata in occasione del restauro della tomba di Giulio II in S. Pietro in Vincoli, grazie alla quale le statue sono state riprese nel loro insieme e nei dettagli più impressionanti, retro compreso. È una storia appassionante, non priva di ossessione, quella che impegna per quarant’anni Michelangelo, nel tentativo di portare a termine l’incredibile gruppo di statue e l’architettura della tomba del suo grande amico e duro committente papa Giulio II (che morirà molto prima della conclusione dell’opera). Il volume svolge più funzioni decisive: testimonia l’evoluzione stilistica dello scultore, il complesso rapporto con i collaboratori della sua bottega e con i suoi fornitori; dà infine nuova luce alla formazione neoplatonica di Michelangelo, a oggi forse troppo poco considerata, che ha dato carne al Mosè e all’opera intera. Come scrive Frommel «le sue fasi creative sono interrotte da lunghe pause non meno creative, benché in buona parte causate da mancati pagamenti da parte dei committenti – anni d’incubazione nei quali comincia a modificare il suo linguaggio, per rigettarsi poi con nuovo sfrenato dinamismo nel lavoro. Questa vita, che cade in uno dei periodi più turbolenti e innovativi dei tempi moderni, si rispecchia nella tomba».
L’équipe scientifica coordinata da Frommel ripercorre e rilegge la storia del monumento comparando i disegni di Michelangelo e di altri artisti, fornendo rilievi e ricostruzioni, e documentando le ricerche attraverso dettagliate tavole a colori. Completano il volume una ricchissima raccolta di documenti spesso inediti che raccontano l’acquisto del marmo, i viaggi, i dubbi in corso d’opera, gli screzi, le lettere, i conti economici; un catalogo delle sculture e dei disegni e una bibliografia vasta e completa.
CHRISTOPH LUITPOLD FROMMEL è stato docente e professore presso la Bonn Universität, visiting professor all’Institute for Advanced Study di Princeton e alla University of California, Berkeley. Dal 1989 al 2001 è stato direttore della Biblioteca Hertziana di Roma. Tra il 2002 e il 2005 professore “di chiara fama” all’Università La Sapienza di Roma, ha ricevuto la Laurea honoris causa dall’Università degli Studi di Napoli Federico II; è Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana, premio Borghese, Accademico dei Lincei, dell’Accademia Britannica, dell’Accademia di San Luca; membro del comitato di settore del Consiglio Superiore dei Beni Culturali per gli Istituti e le Biblioteche, nel 2011 ha ricevuto il premio Cultori di Roma. Per la bibliografia completa si veda il sito della Biblioteca Hertziana.

CLAUDIA ECHINGER-MAURACH ha frequentato corsi di scultura presso l’Akademie der bildenden Künsten di Monaco dal 1970 al 1975. Ha studiato storia dell’arte a Brunswick, Firenze e Roma e dai primi anni Ottanta si occupa della tomba di Giulio II in S. Pietro in Vincoli. È stata docente presso l’Istituto di Storia dell’Arte della Würzburg Universität dal 1985 al 1991, e in seguito presso la Westfälische Wilhelms Universität di Münster. Le sue ricerche e numerose pubblicazioni si concentrano soprattutto sui disegni di Michelangelo e Leonardo.

MARIA FORCELLINO si è laureata a Salerno, specializzata a Siena e conseguito un libero dottorato ad Amsterdam. Dal 1995 al 2010 è stata professore aggregato di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Salerno. Attualmente è impegnata in vari progetti internazionali di ricerca promossi da istituzioni italiane ed estere. Suoicampi di studio sono il XVIII secolo e il Rinascimento. Si è occupata in particolare, negli ultimi anni, della tomba di Giulio II, del suo restauro e della sua ricezione critica, e dei rapporti di Michelangelo con Vittoria Colonna e gli “spirituali”, temi su cui ha pubblicato ampiamente in Italia e all’estero. È autrice di diversi libri e saggi apparsi in volumi, riviste e atti di convegno internazionali.

ANTONIO FORCELLINO si è diplomato all’Istituto Centrale del Restauro di Roma nel 1981 e laureato in Architettura nel 1980. Lavora intrecciando la ricerca filologica con la pratica materiale del restauro. Tra i suoi lavori di restauro più importanti: la tomba di Giulio II e l’altare Piccolomini a Siena; l’Arco di Traiano a Benevento, gli affreschi del Pinturicchio a Siena e i pulpiti della cattedrale di Ravello. I suoi libri sono stati tradotti in inglese, tedesco, francese, spagnolo, olandese, russo, rumeno.

 




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47536 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47703 KB
Better Tag Cloud