search
top

Intervista all’autore SERGIO TIERNO

Continua la serie di interviste realizzata direttamente dallo Stand T53, Rupe Mutevole Edizioni, presso il Palacongressi Eur, dove si è svolta anche quest’anno la pregiata manifestazione Più Libri Più Liberi: è la volta di  Sergio Tierno, il cui canto è al servizio delle Donne…

F.F. Tra le foglie ed il sole: cosa vuole evocare?

Sergio Tierno:  Che la vita è fatta di luci ed ombre appaiono e scompaiono. Io sono un poeta malinconico.

F.F. Lei si sente quindi poeta?

Sergio Tierno: Mi sento un piccolissimo poeta. Che decanta i suoi versi.

F.F. Una poesia a cui è particolarmente legato?

Sergio Tierno:  La poesia che prediligo è appunto “I tuoi occhi” della cui tristezza mi sono innamorato.

F.F. C’è un filo conduttore?

Sergio Tierno: L’amore, che può essere variamente inteso: quello corrisposto, non corrisposto, e soprattutto l’amore perduto.

F.F. Perché questa scelta espressiva?

Sergio Tierno: Perché troppe volte mi sono innamorato e non è andata bene, soprattutto a causa della timidezza che mi impediva persino di iniziare una conoscenza con una persona che avrebbe potuto essere la donna della mia vita.

F.F. Il suo canto è al servizio delle Donne?

Sergio Tierno:  La poesia che vi ho dedicato è appunto Note tragica, scritta in occasione della Festa delle Donne, in difesa di tutte coloro che sono povere vittime della violenza ingiustificata di noi uomini.

F.F. Riassumendo: qual è l’elemento principale della su poetica?

Sergio Tierno: L’Amore Universale, che sfocia nel sociale.




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47651 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47809 KB
Better Tag Cloud