search
top

Io sono l’albero… e tu la poesia


Il libro contiene gli scritti di Laura, una ragazza coraggiosa che ha saputo manifestare le proprie emozioni attraverso la "Comunicazione Facilitata Alfabetica".

In un contesto di apprendimento stimolante Laura Fiorentin ha realizzato un grande sogno: quello di poter comunicare.

PRESENTAZIONE, a cura di LIDIA CATTELAN
Questo libro nasce dal profondo del cuore e della mente di una ragazza che si chiama Laura. Ora ha 19 anni ed è stata bambina come noi.

Proprio come tutti noi è andata a scuola ed ha imparato a leggere, a scrivere, a comunicare. È entrata nel magico mondo delle parole e dei numeri. Insieme ai suoi compagni ha percorso un lungo cammino. Pur rimanendo ferma nella sua carrozzina, ha insegnato a tutti l'amore per la vita, lei che dalla vita sembrava avesse ricevuto poco.

Infatti, Laura è nata con gravi handicap che NON le permettono di parlare, di camminare, di mangiare. Vive in un letto, ma dal suo letto ha saputo vedere la realtà e cogliere le opportunità offerte dalla tecnologia per scrivere. Questa forma di scrittura si chiama Comunicazione Facilitata Alfabetica.

Laura comunica, quindi, attraverso un computer che le permette di essere capita. Il mondo della conoscenza è stato il suo raggio di sole, la sua guida nelle esperienze. È così che lei può farsi capire ed apprezzare.

Ha scritto molto e continua a farlo. Insieme a Laura ho raccolto i suoi racconti che sono poesie e le sue poesie che sono racconti.
Leggendoli, sarete incantati dalla lettura, un mondo magico che apre gli occhi e il cuore a ciascuno di noi.

Laura ci insegna a non arrenderci mai, a sperare di fronte alle malattie, a superare le difficoltà mettendoci ardore e voglia di vivere, a dare con gioia amore e sorrisi.

Laura Fiorentin è nata a Verona il 29 aprile 1994.
Vive a Dueville, in provincia di Vicenza.
E-mail: laura.aquilone@gmail.com

https://www.facebook.com/pages/Io-sono-lalbero-e-tu-la-poesia/222725817910411

Editore:
Tredieci

Estratto:
"A Lidia"
Come una goccia d'acqua sulle labbra di chi muore di sete, ti sei posata sul mio amaro pensiero per una scuola che non capivo. Tu mi hai aperto le porte della casa del sapere per tutti e mi hai fatto sentire speciale, ricca di una diversità che non si deve sopprimere, ma aiutare a emergere come arricchente per chi la incontra. Io credo che sono le persone come te che, anche quando si è disperati, rendono la vita speciale ed entusiasmante. Ciao Lidia, piccola stella del mio universo di sogni.

Estratto dallo scritto "Il mio arcobaleno tutto più rosa"
Ho un infelice ricordo di me stessa quando i miei cari facevano tante corse in ospedale e io tacevo tutto il giorno perché non potevo comunicare.Gioisco essere riuscita ad imparare a scrivere con Cecilia, le maestre, la mamma, il papà e mia sorella dando, così, un senso alla mia vita.Io sono una ragazzina di nove anni, mi chiamo Laura e da due anni faccio turbare i dottori che mi conoscono. Davvero sono cambiata nei miei gesti. Non ci credono che io sia in grado di scrivere, ma io faccio tanti sacrifici per me stessa e per il mio corpo rotto.Grazie alla mia famiglia sono in forza per fare numerosi esercizi motori e molta pratica di scrittura. Tutti mi credono stupida e ignorante, invece so molte cose che loro non immaginano neanche perché io ho imparato mentre stavo in silenzio.Un giorno, ultimo del mese di novembre dell'anno 2001, ho scritto per la prima volta e ho provato un'energia timorosa, ma esaltante: io potevo finalmente esprimere i miei pensieri!
(Settembre 2003)

Acquisto:
laura.aquilone@gmail.com




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47564 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47737 KB
Better Tag Cloud