search
top

LA CASA DI SVEVA


Sveva si ritrova suo malgrado rinchiusa nella sua stessa casa per mano di un uomo che viene da un passato lontano e che solo dopo qualche tempo riesce a riconoscere. Tra loro si crea un legame ambivalente e pericoloso che nel finale si traduce in un'inversione di ruolo tra i due protagonisti.
Giallo/noir a sfondo psicologico la cui peculiarità risiede in un'attenta introspezione dei personaggi che emerge soprattutto dai dialoghi.

Editore:
CIESSE EDIZIONI

Genere: giallo/noir

Estratto:
Il vento era caldo, troppo caldo per essere Ottobre e tutta la casa era inondata di aria e di luce. All'orizzonte nubi nere ancora lontane preannunciavano pioggia. Si raccolse i capelli come faceva sempre prima di mettersi al pc. Si sedette davanti allo schermo. Le sembrò di vedere un'ombra passarle accanto e si girò di scatto. Niente. Rimase qualche attimo in ascolto. Niente. Accese il computer, poi si girò di nuovo. Agata l'aveva seguita e ora se ne stava sdraiata ai piedi della grande specchiera. Sveva le si avvicinò per accarezzarla, poi si soffermò sulla propria immagine riflessa. Indossava un paio di jeans scuri e una camicia azzurra che le aderiva sul seno. Era bella e si piaceva. Si aggiustò di nuovo i capelli e poi si sedette concentrandosi sulla scrittura. Riuscì a scrivere quasi venti righe prima che le mani di un uomo le si posassero sulle spalle circondandole il collo.
"Non voltarti" le ordinò una voce roca e sconosciuta.
Sveva ubbidì, paralizzata com'era dalla paura e dallo stupore.
L'uomo si chinò su di lei e le bendò gli occhi.
"Vieni con me" le disse con voce ferma prendendola per mano e spingendola verso il letto.

Acquisto:
http://www.ciessedizioni.it/lacasadisveva.html




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47641 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47813 KB
Better Tag Cloud