search
top

La dittatura delle abitudini

Charles Duhigg

La dittatura delle abitudini
Come si formano, quanto ci condizionano, come cambiarle

 

In vetta alle classifiche del New York Times a una settimana dall’uscita
Ancora inedito in Italia, ha già suscitato l’interesse della stampa

«Condizionano la nostra vita ogni giorno, da quando ci laviamo i denti a quando guidiamo la macchina. Da vent’anni gli scienziati cercano di capire come nascono le abitudini. Ora le loro ricerche hanno un nuovo campo di applicazione: il marketing»

[Internazionale]

«Un self-help d’autore che vien voglia di testare»

[D – La Repubblica]

«Duhigg spiega i rischi delle abitudini guidando il lettore lungo un piacevole percorso che tocca vari argomenti: dal marketing al management, al movimento dei diritti civiliŠuna lettura avvincente»

[Newsweek]

«Libro divertente e gradevole. Un serio sguardo ai meccanismi che creano le abitudini e a quelli che le cambiano»

[The New York Times Book Review]

«Un’affascinante analisi della nostra società patologicamente abitudinaria. Fumiamo, controlliamo i nostri BlackBerry, scegliamo partner sbagliati, rifacciamo sempre (o mai) il letto. Duhigg scava nel perché agiamo in questo modo e mostra come possiamo cambiare, come  individui e come istituzioni»

[The Daily]

Tutti abbiamo delle abitudini, buone o cattive, che ci fanno sentire bene o ci danneggiano. Ma come si formano? E, soprattutto, come modificarle?
Quando vi siete alzati questa mattina qual è stata la prima cosa che avete fatto? Che mezzo usate per andare al lavoro? Quando arrivate alla scrivania del vostro ufficio leggete le e-mail, chiacchierate con un collega o vi mettete subito a scrivere? E a pranzo, insalata o hamburger?
Questo libro spiega la formazione delle abitudini nel cervello degli individui e la loro sedimentazione nelle persone, nelle aziende e nelle collettività. Finalmente comprenderemo come mai ci sono persone e aziende che cercano invano per anni di cambiare, mentre altre sembrano rinnovarsi completamente da un giorno all’altro. Entreremo in laboratori dove neuroscienziati studiano come funzionano le abitudini e dove, esattamente, si sedimentano nel nostro cervello. Scopriremo come abitudini corrette favoriscano la vittoria degli atleti nello sport, il successo delle aziende, il miglioramento della società.
Capiremo come siano determinanti nel fare la differenza tra successo e fallimento, tra vita e morte.
La buona notizia è che le abitudini non sono un destino ineluttabile: si possono ignorare, cambiare, sostituire omantenere. Questo libro ci spiega come.

Charles Duhigg è un reporter del New York Times. È stato inviato di guerra in Iraq e proprio lì è nato il suo interesse per lo studio delle abitudini. A Baghdad ha preso parte a un esperimento che ha provato come, cambiando le abitudini dei cittadini, è possibile gestire le rivolte di piazza. Da allora, si è dedicato all’argomento, studiandone tutti gli aspetti. Pagato 1 milione di dollari dall’editore americano, La dittatura delle abitudini è salito in vetta alle classifiche bestseller a pochi giorni dall’uscita e ci è rimasto per molte settimane 




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47627 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47798 KB
Better Tag Cloud