search
top

La nostra panchina sul mare (Susanna Pultrone)


Questo è un libro da leggere in una notte. 170 pagine che scorrono veloci non solo per la semplicità della struttura narrativa, ma anche perché generano curiosità. Personalmente continuavo imperterrita nella lettura perché speravo che il senso di malinconia della protagonista fosse placato e soprattutto volevo sapere come sarebbe stato possibile farlo. La struttura narrativa è molto assimilabile a quella diaristica, infatti il ritmo, in alcuni paragrafi, appare lento. Tutto inizia nella spensieratezza di un viaggio estivo tra amici e nella sicurezza di non voler nessun impedimento emotivo ad ostacolare una vita giusta, prudente e appena iniziata. Ma spesso, sconfiggendo l'oppressione consapevole, il sentimento muove i corpi inerti. E fu così che Silvia, una ragazzina di soli 17 anni dai capelli lunghi, lisci come la seta e neri come la notte, incontrò gliocchi verdi, nascosti tra le ciocche nere, di Riccardo. Silvia però subirà gelosie e pressioni che la convinceranno di non essere la donna che può appagare completamente il sentimento di Riccardo. Un amore grande, troppo grande per poterlostringere a sé e bloccarlo tra le braccia. La struttura narrativa del romanzo prevede un alternarsi tra presente e passato. L'autrice con una scrittura consapevole analizza i comportamenti dei protagonisti, riuscendo così a dare un significato alle azioni spesso incoscienti, naturali e impulsive di due giovani cuori in preda all'amore e alla distanza, che solo in estate si annulla e trova pace ad Alba Adriatica.In alcuni capitoli avrei preferito più dinamicità, invece la profonda attenzione alle sensazioni genera a volte dei buchi narrativi. Sembra che la scrittura corra proprio in soccorso alla comprensione degli accadimenti. L'ho letto in una notte. Forse perché sono romantica.

Recensito da Papel Communication

Autore: Susanna Pultrone

Genere: Narrativa

Perchè leggerlo?
E' emozionante

Perchè non leggero?
E' malinconico

Ti piace se...
Piacciono i romanzi

Il pregio principale
veritiero

Il difetto principale
ritmo lento

Una frase significativa
"Non so se sarà mai possibile, se avrò l'opportunità di farlo, nel frattempo, però scriverò unromanzo su di noi. Una storia sull'Amore, l'età, la distanza e il tempo... il finale sarà il destino a scriverlo".




One Responseto “La nostra panchina sul mare (Susanna Pultrone)”

Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47646 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47803 KB
Better Tag Cloud