search
top

La vendetta della Sepolta viva di Rosaspina di Belvedere (Giusy Pieragostini)


Il caso e il Vento inaugura la nuova Collana Fuoristrada un romanzo stravagante: "La vendetta della Sepolta viva di Rosaspina di Belvedere" di Giuseppina Pieragostini. Ripescando stili e temi della Letteratura d'Appendice - narrazione prediletta per le epopee dei vinti e dei perseguitati - l'Autrice affronta, con ironia spietata, il dramma stesso della creatività femminile. La questione centrale è serissima: può una casalinga scrivere il Grande Romanzo? Troverà mai il coraggio di seguire i desideri della Sepolta Viva che fin da giovane vorrebbe esistere sulle pagine della Letteratura o resterà soffocata da Lardo il balordo, Romeo l'approfittatore e Olghina l'insolente? E se si salva dalla sua famiglia cadrà sotto la mira infallibile dell'Angelo Sterminatore che è la versione femminile dell'Angelo custode degli uomini?"La vendetta della sepolta viva di Rosaspina di Belvedere" è un romanzo domestico. Una commedia umana. Un'epica contemporanea. Ma anche una lista della spesa, dissacrante, di luoghi comuni letterari e di stereotipi narrativi e psicosociali. Chi impera e compie qui un vero Giudizio universale - rovesciando sensi, mescolando generi e vite - è lo Stile. Ampolloso, colto, barocco e popolare insieme, ricco di epiteti e ritmato, giocoso e feroce, tra il sarcasmo gaddiano e la levità grottesca di Cervantes, a eco delle volute sintattiche e del periodare senza fine tipico delle grandi firme della Letteratura d'Appendice ma anche dei grandi affabulatori popolari.. Un azzardo omaggiare attraverso una parodia questa Letteratura, qui saccheggiata e ossessivamente citata, che, tra convenienza e sconvenienza, ha saputo cogliere i cambiamenti sociali e ha permesso a molte scrittrici, come la Invernizio per citarne una, di sperimentare con successo quella "stanza tutta per sé" che è lo scrivere.Doppiamente feroce quindi affidare a un Genere che racconta vittime e perseguitate la storia di un probabile riscatto perché se c'è sempre una ragione per compiere un crimine ce n'è sempre una per scrivere. E non c'è un prezzo troppo alto per fare della propria vita un romanzo. Giuseppina Pieragostini nasce in provincia di Ascoli Piceno, ove viene allevata con rosari in grammelot e con storie fantastiche contrabbandate per vere. All'età di circa sei anni scopre l'esistenza dei libri quali contenitori infiniti di storie. Decide di leggere tutti quelli che esistono e quindi di passare a scriverne per conto proprio. Finita la biblioteca del paese natio passa a leggere a Roma dove studia e lavora nel campo della psicologia clinica; intanto, come tutte, fa politica, si marita, alleva figli e bada alla casa. Con il pensiero sempre fisso in testa, che appena avrà un attimo di tempo, scriverà il Grande Romanzo. Passano i lustri, passano i decenni: il momento non arriva mai. Finché, capita l'antifona, tra un impegno e l'altro, si accontenta di scrivere quello che capita. La vendetta della sepolta viva è il risultato: lei nega disperatamente che sia autobiografico. Ma si sa, fanno tutte così. Con il racconto 'Cascemare', ha vinto il primo premio Anteka città di Erice, e con 'L'invettiva', il primo premio città di Noale. www.ilcasoeilvento.it

Recensito da il caso e il vento

Autore: Giusy Pieragostini

Genere: romanzo

Perchè leggerlo?
perchè non leggerlo?

Il pregio principale
c'è un modo per promuovere davvero la bibliodiversità: sostenere i libri che non hanno firme famose o grandi editorie alle spalle con un atto di fiducia ossia venire a conoscerli, e quando i libri sono "persone libro" (www.donnedicarta.org) la conoscenza è... più intima e pericolosa, perché puoi anche non comprarlo il libro dopo ma non puoi dire che non sai le parole che contiene. E quando un libro si porta dietro una Letteratura che la Critica paludata ha etichettato come sottocultura nazionalpopolare, il potere vero di chi legge sta nella curiosità, e nel saltare il fosso che altri hanno scavato per dividere le narrazioni sul mondo, e addomesticarle.

Il difetto principale
il difetto!




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47690 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47857 KB
Better Tag Cloud