search
top

L’amante di Cristo


La scrittura nervosa e immaginifica non induce ad alcun lirismo narrativo. Palpita di tutta l'intensitù e la varietà della relatà rappresentata. E' un grande romanzo! Per la verità dell'osservazioner, per il realismpo esatto, minuzioso, intenzionalmente impersonale, accompagnato dalla potenza dell'invenzione. Il senso del pittoresco è vivissimo, al punto che il lettore sente di abitare all'interno dei personaggi descritti. Ancora c'è la grande meditazione, l'indagine dei significati, che danno al romanzo una valorosa dimensione d'impegno morale e sociale. La riflessione, però, è innervata da tutta la passione della vita, propria dell'Autore.
Raffaele Nogaro, vescovo emerito di Caserta.

Editore:
Graus

Genere: Romanzo

Estratto:
Il sole d'improvviso scomparve, come se qualcuno avesse spento l'interruttore. Nel tepore oramai sensibile del tramonto spiccava il piumaggio caffellatte della solita tortora, la quale s'era riposata sul marmo del parapetto e pareva indugiare, come attratta dal volto radioso del monsignore, totalmente ricoperto da un incredibile senso di pace.
Neppure sappiamo se stesse dormendo o sognando. L'unico dato certo è che spirava una dolce brezza.




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47543 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47687 KB
Better Tag Cloud