search
top

Le favole di Esopo in Romanesco (Marco Marzi)


Rileggere le favole di Esopo in romanesco, per dimostrare che i dialetti possono "raccontare" anche la letteratura classica. Le favole del grande filosofo poi, sembrano scritte appositamente per essere tradotte nel dialetto di Roma, linguaggio plebeo ma anche nobile, per la sua terminologia dalle infinite accezioni; tanto da poter dire con il Belli che le sue risorse sono così tante da riempire " un magazzino di dogana". Sta di fatto che alcune locuzioni del romanesco si prestano ad una manipolazione con variazione di significati come per nessuna altra lingua o dialetto. Dunque è possibile utilizzare quel capolavoro di ingegneria sintattico-letteraria creato dal grande poeta romano, costruire tra il serio ed il faceto, dialoghi che irridono ma al tempo stesso fanno riflettere o diventano sentenze. Ecco perché ho ritenuto che queste favole, scritte oltre duemila anni fa da Esopo, possono essere raccontate oggi in romanesco. Pareno scritte apposta...

Recensito da Cagi Editore

Autore: Marco Marzi

Genere: Poesia dialettale

Perchè leggerlo?
Un tuffo nella classicità con un tocco di novità data dalla scrittura dialettale

Ti piace se...
Ami le favole classiche e il dialetto romanesco

Il pregio principale
Ottima stesura




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47643 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47804 KB
Better Tag Cloud