search
top

L’ELOQUENZA DEL SILENZIO

L’ELOQUENZA

DEL SILENZIO

di Rocco Cosentino

 

Schermata 2015-05-07 alle 09.53.37

Ritorna in libreria, il 30 aprile, la penna del magistrato Rocco Cosentino con la sua narrazione a tinte fosche e noir che s’immerge come una trivella nel coacervo inestricabile della realtà e delle sue venature complesse, spesso paranoiche e incomprensibili , comunque inquiete e inquietanti in cui il male ha volti molteplici e caleidoscopici.Una triade narrativa targata Pellegrini editore e pubblicata nella Collana i gialli “La Ginestra Large“: “Niente di cui pentirsi”, “Succede tutto per caso” e, fresco di stampa, “L’eloquenza del silenzio” che, tratto da una storia vera, è un romanzo storico multitemporale dalle fosche tinte noir.Protagonisti della ragnatela narrativa due giovani dalle belle speranze: Gustavo e Rocco.

Li tiene insieme un doppio tassello: la stessa città di origine, Palmi, e la stessa meta, Como. Ma differiscono i tempi in un voluto sfasamento temporale, una vicenda appartiene al passato e una al presente. Eppure, attraverso un sapiente incastro narrativo, le due storie vanno ad intersecarsi e accompagnano il lettore in un doppio piano narrativo che disegna un romanzo a cerchi concentrici.

Gustavo è un intrepido funzionario di PS, condannato dal Tribunale Militare Straordinario di Guerra alla pena di morte mediante fucilazione nella schiena. Sono gli anni del 1944/’45. Una condanna eclatante che si rivelerà assurda e viziata. Ma ci vorranno tempi lunghi perché la condanna mostri i suoi lati deboli e viziati.

E ci vorrà la presenza di Rocco, brillante studente in giurisprudenza, obbligato dagli eventi ad abbandonare gli studi e cercare lavoro. Sono gli anni del 2013/’14.

Le due storie, a quasi settant’anni di distanza, si intrecciano per volere del Fato che prenderà per mano i personaggi e li accompagnerà nel difficile cammino della loro esistenza, che avrà un inesorabile epilogo, ora drammatico, ora pieno di speranza.

Come a dire che la Nemesi porta ad un risarcimento storico smantellando i silenzi di un passato che ritorna forte e deciso perché quel silenzio è rimasto sempre eloquente e si è propagato a discapito di tempi e spazi.

Il romanzo, in questo interessante gioco di onde narrative, disegna ottimi ritratti psicologici e si snoda in un andirivieni di personaggi e loschi figuri che danno ai protagonisti la forza di lottare per gli ideali in cui credono e di non lasciarsi sopraffare dalle alterne vicende cui sono costretti a far fronte.

Un fatto storico, dunque, che infervora la fantasia dello scrittore che, grazie alla suggestione di una storia vera e ai documenti dell’epoca di inestimabile valore, tra cui gli originali di alcune sentenze e le fotografie delle varie fasi del processo e della fucilazione, ha sapientemente ordito il romanzo che catturerà il lettore proprio per l’intreccio e la tramatura che si rivelano espedienti stilistici di grande forza e suggestione.

 

 

 L’Autore

Rocco Cosentino è nato nel 1974 a Taurianova (RC), dove risiede.
Laureatosi in giurisprudenza nel 1996, è entrato in magistratura nel 1999. Dopo l’esperienza presso la procura della Repubblica di Reggio Calabria con le funzioni di sostituto procuratore distrettuale antimafia, attualmente è in servizio presso la procura della Repubblica di Palmi.
Nel 2008 il suo racconto Terra di nessuno, pubblicato dalla Rizzoli nell’ebook Italians, una giornata nel mondo, è stato il più votato dai lettori nell’omonimo concorso online organizzato dal sito Corriere.it.
Nel 2011 esordisce con il romanzo noir Niente di cui pentirsi.
Nel 2013 dà alla luce Succede tutto per caso, seconda tappa della tetralogia del “male necessario”.
Entrambi i romanzi sono stati pubblicati dalla Luigi Pellegrini Editore.




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47589 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47760 KB
Better Tag Cloud