search
top

Mani giunte

Faccio altare di preghiere

questa arida brughiera

che ha come sola voce

l’assonnato cipiglio della sera.

Macchie d’erba secca

rivestono sottane d’aria fresca

e stringo a me forte lo scialle

che mi regalasti quella notte d’estate.

 

Schermata 2015-10-07 alle 09.13.40I suoi intagli richiamano

i romantici contorni del tuo viso

e nessuno conosce meglio di me

quel momento che per me sfiora l’infinito.

 

Mi promettesti di far ritorno

in quella casa ormai abbandonata al buio,

però mai più ti rividi al nascere del tramonto

sulla via del destino.

Tutto ormai ha il sapore del sale dentro sé,

ma i ricordi tessono la mia vita

fatta di un paradiso mai conosciuto,

ma che risplende della tua immagine

che mi invita fra le sue braccia

come il nostro primo incontro

profumato da quello sfuggente bacio

a fior di labbra.

 

Ora quell’attimo torna ridente

sulla porta del silenzio

che adesso mi ritrova

immobile ed assorta

nella mia anima fatta di preghiera:

palpebre socchiuse

al tempo

e mani giunte

al cuore.

 

 




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47564 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47732 KB
Better Tag Cloud