search
top

RECENSIONE ‘IL TREDICESIMO APOSTOLO’

 RECENSIONE ‘IL TREDICESIMO APOSTOLO’

DI VALENTINA LIPPI BRUNI

 Schermata 2014-12-21 alle 11.10.58

TRAMA

Un romanzo esoterico di grande suspense, il viaggio di un uomo che potrebbe cambiare la storia dell’umanità e aprire le porte del Regno di Dio, ma solo se avrà abbastanza fede…

Roma, Città del Vaticano: AD 1999. L’ossessione per un diario custodito gelosamente per anni ha relegato l’anziano don Orazio ai margini della Chiesa. Ora che lui è morto, il contenuto di quelle pagine ingiallite torna a tormentare i sonni della Curia. Fino a che la stanza segreta viene riaperta e la verità di quell’iscrizione occultata per secoli non può più essere nascosta: solo un uomo potrà accedere al Regno di Dio e salvare il mondo. Ma chi è? E come interpretare quell’iscrizione?
Pietro Alessi è un giovane poliziotto che si è distinto per aver sventato un attacco al Cardinale Turrini. Un giovane da sempre tormentato, in crisi con la famiglia adottiva, con la sua vita e con la fede verso un Dio che fin da piccolo ha dovuto amare. La missione che gli vogliono affidare è a dir poco incredibile: tornare indietro nel tempo e salvare dalla croce il giovane Gesù di Nazareth. Un’impresa che richiede coraggio ma soprattutto fede, un viaggio di sola andata che potrebbe alterare per sempre il corso della storia dell’intera umanità. Sarà davvero lui il prescelto?

L’AUTORE

Valentina Lippi Bruni (1975) è di origini ferraresi e vive a Imola. A soli 17 anni ha scrittoun’autobiografia romanzata dal titolo Il soffio dell’anima (Premio letterario internazionale Anguillara Sabazia 2006). Edito da un piccolo editore locale, viene poi rivisto e ripubblicato da Giunti nel 2009. Dal libro viene tratto anche un film prodotto da Luna Film Productions, una società fondata da Valentina stessa che le vale il premio “La Fibula D’oro” come produttrice-autrice al Festival Cinematografico Europeo Amatoriale e Semiprofessionale del 2009.
Tertivs Decimvs, il tredicesimo apostolo è il suo secondo romanzo. Già pubblicato in lingua inglese, ha suscitato un vivo interesse negli Stati Uniti dove è diventato una serie TV di cui Valentina è sceneggiatrice.
L’autrice sta già lavorando al suo prossimo romanzo.

LINK

Link del libro su Giunti Editore: http://www.giunti.it/libri/narrativa/tertivs-decimvs

Link della pagina autrice sul sito di Giunti Editore: http://www.giunti.it/autori/valentina-lippi-bruni/

RECENSIONE

Non sono una patita di generi che rivoluzionano un po’ i temi religiosi, di cui sono fermamente credente, però devo dare un giudizio assolutamente positivo a questo romanzo. L’ho iniziato con estrema curiosità, ma con una punta di incertezza, la solita incertezza con cui guardo a distanza certi remake libreschi, che mettono sottosopra la voce delle Sacre Scritture,ma l’autrice ha saputo catturarmi fino all’ultima pagina con uno stile accattivante, mai noioso e banale, perché ha saputo trasferire con saggia prospettiva la voce del Vangelo nella sua storia. Una storia che ovviamente ha il suo lato e senso inventivo, ma ha saputo rivestire il punto di vista fantasioso del tutto, facendolo calzare a pennello con la verità che dai tempi di Cristo viene tramandata a noi credenti.

Ho trovato questa autrice originale, incalzante, metodica e veramente fedele alla voce degli Apostoli e alla grande epopea di Gesù Cristo.

Tutto inizia con il ritrovamento di tre gemellini maschi in una cesta da parte di una suora dal cuore nobile e materno, poi il tutto continua attraverso l’affidamento dei tre fratelli a tre famiglie diverse che li ameranno senza riserve.

I tre uomini portano i nomi di tre importanti apostoli nella storia, proprio perché sono stati ritrovati dal convento il 29 giugno 1973, ovvero il giorno in cui si celebrano i santi Pietro e Paolo.

Così, il terzo fratello prenderà il nome di Simone, da Simon Pietro.

Mi sono piaciuti proprio anche i più piccoli particolari, di cui l’autrice è stata attenta osservatrice e curatrice per dare vita ad una storia per me indimenticabile.

Già, perché il centro della vicenda sarà tutto concentrato attorno al personaggio di Pietro, colui che a differenza dei fratelli e nonostante l’amore della sua famiglia adottiva, si sente ancora come un cane randagio e abbandonato in mezzo ad una strada.

Un uomo ancora alla ricerca delle sue origini e della sua vera casa.

Quando finalmente incontra Tony, il quale diventa a poco a poco un suo caro amico, la vita attraverso un amaro destino glielo porta via.

Qui inizierà a sconvolgersi ancora di più il suo equilibrio interiore e le domande su se stesso e su Dio si faranno sempre più insistenti.

Il ragazzo decide di intraprendere la rischiosa professione di poliziotto, ma sarà proprio questa importante scelta ad intrecciare il suo destino con quello del Vaticano e di una prestigiosa missione.

Una missione che lo legherà indissolubilmente all’antico segreto di un vecchio diario risalente a Don Orazio, un prete di campagna ormai scomparso, in passato relegato ai margini della Chiesa, a causa forse di un’inconfessabile verità sul ritrovamento di una stanza segreta, che non può essere più nascosta.

Un luogo che farà da mediatore fra il passato e il presente e permetterà di riuscire a riscattare l’umanità dai peccati compiuti?

O meglio sarà il segreto che le Sacre Scritture hanno taciuto sulla vita del tredicesimo apostolo, Pietro, che dopo la morte di Gesù ha costruito una strana croce per riuscire a farsi perdonare avendo rinnegato il suo profeta?

Tante domande che si affiancano per tessere le redini di una storia che ripercorre tanti momenti salienti e indimenticabili del Santo Vangelo.

Pietro Alessi, il giovane poliziotto e il tredicesimo apostolo Pietro, sono la stessa persona? Egli riuscirà a portare in atto la sua missione e a far ritorno dal passato nella sua vita odierna?

Lascio ai curiosi lettori la scoperta, mentre conferisco quattro stelle tutte meritate ad un romanzo simbolico, studiato da una particolare prospettiva narrativa e adatto a tutti gli amanti della storia del figlio di Dio.

Francesca Ghiribelli.




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47567 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47715 KB
Better Tag Cloud