search
top

“Tutti i Doni del Buio”


https://www.youtube.com/watch?feature=player_embeddedev=ANaVwTeR5lM

Editore:
"Booksprint", "Youcanprint", "e-Pubblica"

Genere: Fantasy, o meglio, Reality Fiction

Estratto:
Riprendemmo a camminare tra i profili scheletrici degli alberi carichi di neve, finché non incontrammo sulla nostra strada un gruppo di rovine diroccate, poco più che mura sgretolate dal tempo, resti di un antico abitato.
«Ce n'è dappertutto, di questa roba, nei boschi, ma nessuno di noi sa che cosa sia. Tu ne sai qualcosa, Arideth?»
«Certo! È ciò che resta delle città umane che sorgevano qui prima della Grande Distruzione, quando c'erano armi terribili ed ogni cosa esplodeva!»
«Ogni cosa esplodeva?»
«Dicono fosse una civiltà basata sulle esplosioni. Come se le esplosioni potessero andare d'accordo con la civiltà, poi! Tutte le armi esplodevano, o lanciavano qualcosa tramite esplosioni di diversa potenza, ed ogni occasione, dalle guerre alle feste, era buona per far scoppiare qualcosa. Anche ai bambini era permesso fare uso di esplosivi. Perfino i veicoli che usavano per spostarsi, pare fossero basati sugli esplosivi.
Va da sé che alla fine siano riusciti a far esplodere l'intero pianeta, e che allora il Sacro Plutonio si sia adirato con gli esseri umani, annientandoli quasi tutti. Per questo, dopo la Grande Distruzione è proibito far esplodere qualsiasi cosa, fosse anche solo un sacchetto di carta gonfiato; come è proibito maneggiare materiale radioattivo. Sei in grado di vedere queste sagome sui muri?»
«Sì, sembrano forme umane che qualcuno vi abbia dipinto sopra; se mi avvicino abbastanza, posso vederle.»
«Non le ha dipinte nessuno. Al momento della Grande Distruzione, il Sacro Plutonio ha portato via le anime nere degli uomini e le ha chiuse prigioniere dentro ai muri perché si sgretolassero con loro e non potessero più nuocere a nessuno, neanche dal mondo degli spiriti. Ormai ne sono rimaste relativamente poche, di queste rovine, ma dicono che anni addietro fossero molte, molte di più. Questa è la spiegazione che ci dà la religione della Santa Vergine Radioattiva, almeno.»
«Anche noi crediamo nella Santa Vergine, che unendosi al Sacro Plutonio ha creato tutte le razze mutanti perché era stufa di quell'unica, perfida e insensata razza che non aveva fatto che procurare guai. Tutti i mutanti sono suoi figli, e ci ha creati perché il mondo tornasse a vivere in modo sano e corretto, e gli uomini perdessero arroganza e predominio.»
«Secondo i nostri Religiosi, invece, la Santa Vergine ha creato altre razze in quanto madre di tutti i mutanti, insegnandoci a vedere in essi il lato buono del cambiamento, e non la paura del nuovo e del diverso. Tutto ciò che è immobile ed immutabile è destinato a soccombere e scomparire, mentre ciò che muta e si evolve, si adatta per la sopravvivenza. Ma il più delle volte, la parola dei Religiosi non viene ascoltata né compresa.»
«Il che significa che la vostra razza non ha ancora capito niente. Siete ancora convinti di essere la sola specie intelligente, e che il progresso consista soltanto nel predominio dell'uno sull'altro; che il più forte possa vivere a spese del più debole per una sorta di diritto divino. Lo dicevano di voi i nostri anziani, e nel tempo trascorso con voi umani, ho potuto constatare che dicevano il vero. Non ho mai conosciuto una razza più avida ed egoista della vostra.

Acquisto:
Acquistabile su tutti i maggiori portali di vendita on line. Ordinabile in tutte le librerie dei circuiti "La Feltrinelli", "In Mondadori", "Youcanprint", e "IBS".




Leave a Reply

*

top
Diag| Memory: Current usage: 47589 KB
Diag| Memory: Peak usage: 47761 KB
Better Tag Cloud