Conosciamo Antonio Pilato, scrittore emergente

by | 21 Jan 2021 | Parliamone... | 0 comments

Antonio Pilato nasce a Ravenna l’11 Marzo 1990.  È uno psicopedagogista e scrittore italiano.
Fin da bambino si appassiona alla letteratura dell’orrore, leggendo in casa e a scuola i romanzi brevi della serie Piccoli brividi di R. L. Stine.
Terminati gli studi liceali, s’iscrive all’Università di Bologna, laureandosi in Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali nel 2013, e in Psicologia delle Organizzazioni e dei Servizi nel 2015. Nel frattempo, inizia a conoscere più da vicino la prosa di S. King, leggendo diversi romanzi e alcune raccolte di racconti.
Dal 2016 la sua visione della letteratura si allarga ad altri autori, primi fra tutti H. P. Lovecraft e T. Ligotti, i quali influenzeranno non poco i suoi pensieri e il suo immaginario, portandolo a laurearsi una terza volta nel 2018, questa volta in Pedagogia, e a dedicare la sua tesi di laurea proprio al tema dell’infanzia insita nei contesti della letteratura dell’orrore.
Dal 2018 inizia a scrivere, preso da una forte ispirazione innata e arcana, una serie di racconti di genere weird che traggono ispirazione, oltre che dai suddetti scrittori, anche dalla penna di molti altri autori, come E. A. Poe, A. Christie, C. A. Smith, R. W. Chambers, E. S. Gardner e H. Murakami.
Nel 2020 pubblica la sua prima raccolta di racconti horror, thriller, noir e fantasy, intitolata “Incubi grotteschi di esiliati sognatori”.

La sua pagina Facebook https://www.facebook.com/iraccontidiantonio/?view_public_for=2248317155443933

Un “Mi piace” è sempre gradito.

Diag| Memory: Current usage: 62321 KB
Diag| Memory: Peak usage: 62476 KB